Tommy Lee chiude il suo profilo Twitter a causa di suo figlio Brandon

Tommy Lee chiude il suo profilo Twitter a causa di suo figlio Brandon

Tommy Lee chiude il suo profilo Twitter a causa di suo figlio Brandon

Tommy Lee, batterista dei Mötley Crüe ed ex marito di Pamela Anderson,

è stato picchiato da suo figlio Brandon e nello shock ha anche deciso di chiudere il suo profilo Twitter.

La lite è avvenuta nella sua casa di Calabasas, in California, e sarebbe stata generata da alcuni tweet di Lee su Pamela Anderson,

madre di Brandon, e dall’alcolismo del musicista.

«La mia fidanzata ed io eravamo a letto quando mio figlio è entrato nella stanza e mi ha aggredito.

Gli ho chiesto di lasciare immediatamente la casa e mi ha messo le mani addosso»

ha spiegato Tommy Lee.

La versione del figlio Brandon però è diversa, si descrive «devastato» e spiega che tutto è accaduto a causa «dell’eccessivo alcolismo» di suo padre.

«Ho lavorato instancabilmente per organizzare un possibile intervento ed è incredibilmente sconvolgente che non sia mai stato realizzato».

Brandon ha anche aggiunto:

«Volevo che ciò che riguarda l’alcolismo di mio padre fosse una questione privata e di famiglia ma,

a seguito delle sue accuse sui social media, mi sento costretto a parlare apertamente.

Continuerò a collaborare con le forze dell’ordine, se necessario.

Amo mio padre e voglio soltanto vederlo sobrio, felice ed in salute».

In risposta al figlio il batterista dei Mötley Crüe ha replicato:

“A volte bevo solo un paio di drink perché sono in pensione e mi sto godendo la vita.

Ho lavorato per oltre 30 anni e credo di meritarlo.

Non hai mai organizzato nessun intervento per me.

Seguici Su:      

social_youtube social_facebook social_googleplus social_instagram social_email